Pagine

mercoledì 8 settembre 2010

Lamento burino per gli "usi impropri"

C.C. Baxter, in vacanza nel paese dove ebbe i natali il suo trisavolo, è in piazza a prendere il fresco settembrino in compagnia dell' ormai inseparabile Ipad e degli autoctoni volti noti. 
La comparsa del post di M.me Suzette, letto ad alta voce a beneficio degli astanti, Vincenzino, Minuccio, e mastr' Antonio, scatena una vivace discussione. Per deformazione professionale Baxter gira armato di registratorino, che viene prontamente messo in funzione.
Di seguito è riportata la trascrizione delle parole pronunciate (urlate, in verità), da Domenico detto Minuccio, di professione commerciante. Che ha accettato di farcela pubblicare. E con tanto di firma. Speriamo di poterlo ospitare ancora.
 
N'ge posso crete Ciccì.
Me meravigliò de te, che te metti co' cert'aggente. Che sei omo de coldura, co' rispetto parlando, me scí capito no?
Mo' pure le fasciature de Gibó volemo fa diventá na zuzzeria? Tutt'a quello stanno appenzá ste femmine, ué. Io n'é bosso biú,  n'é bosso!  Mo' te racconto.


      
Sto fori dar monno: tengo n'emporiuccio a Sacrofante, ce 'o sai no? La specialità mia so' le sacicce. Ma 'mmezzo a ste mundagne  solo io ce sto e me tocca venne tutto.   L'atra matina, so venute du mignotte de passaggio e m'hanno spiegato frescche-frescche che ce fanno co' li cetrioli, le zucchine, le banane. Puro co' le melanzaneè! 
Uè, me so dovuto vregugná, Ciccì.
Ecche monno è diventato questo? Allora pure le sacicce mie?... quando se so' seccate...'nge posso penzà! Me fa brutto, me fa!

Ce schtavo angora appenzà, che so arivati due che 'nfronte lo tenevano scritto,  che erano du deppravati. M'hanno chiesto du banane, m'hanno chiesto, sti spreggiudicanti! "Che te ridi? " iò ditto. Me so saltati i nervi, me sò. Ie l'ho dovuto dí: "tiê! Ve ne do tre. Una, ve la regalo. Cosí armeno questa ve la magnate!"
A 'Ndunietta, mi mojje, drent'a puteca nun ce la faccio schtappiú, sa? E' una de famijja. Certe cose mica je se possono fa sapè a la mojje. Uno fa tanto p'annà fuori casa a levarsi certi sfizi e poi arriva scht'aggente e pure su Carosello bonanima fanno le birbantarìe? 'Ng'é più religgione, 'ngé.

Quando poi, ar televisore, proprio da quer fasciolo pinticchiato de Vespa, ho visto na zozza tutta schosciata e co la pecchia de fora, che dice che fa la sessuogola, che spiegava, tutta cibbata, che ce se poteva fa co' la Pasta der Capitano. Cor dentifricio che usava la povera mammamia, Ciccì!: me volevo mette a piagne.
(Però schta cosa quando torno da Sufietta la purcella, la devo provà. Tu l'hai provata Ciccì?
Tu co' schta storia de l'appartamentino che se dai solo 'nbrestito mica me la racconti giusta sa?)

Mbe', mo te saluto. E dijje a schte 'ndelledduali amiche tue, de schta 'ncambana co schte fasce abbondagge, che a papà ie mantenevano 'a panza. Ebbaschta! E le tengo angora come na reliquia, le tengo.
Te saluto Ciccí.
Minuccio, lu sacicciaro de Sacrofante.