Pagine

venerdì 9 gennaio 2015

La salsiccia di Papa Francesco

Minuccio di Sacrofano, paese reso famoso da Manfredi e Risi nel film ” Straziami, ma di baci saziami”, fa il salumiere, anzi il sacicciaro. E’ amico del nostro C.C.Baxter, Scaracritico cinematografico, che chiama confidenzialmente Ciccì. Ogni tanto si fa vivo con lui. Con il loro permesso, a noi piace leggere cosa gli scrive. 
Qualche giorno fa Messori, il teologo, sul Corriere della Sera ha sparato ad alzo zero su Papa Francesco. A Minuccio, ateo impenitente, Papa Francesco piace. Sennonché tra quel che scrive Messori e quel che dice Minuccio notiamo una strana e interessante convergenza.

Ciccì, ma com’hai fatto quela sera a’zzeccà che facevano Papa proprio l’argentino? Mannaggiattè, io ancora ce ripenzo, sa? Nun ce penzava nissuno e tu, zacchete, nu nome secco. Me l’hai detto na settimana prima, me l’hai ridetto il giorno prima e me l’hai scritto pure du’ minuti prima che s’affacciasse pa’ “bonasera” famosa. Sul’ipadde me l’hai scritto: “A’ Minù statte tranquillo, fanno a Bergoglio”.


E vabbè Ciccì, tu dici che era facile, che bastava legge e che i giornalisti nu leggono manco i giornali (“figuriamoci  i libbri: quelli semmai li scrivono. E so’ brutti”). Forse hai raggione, però io solo da te l’ho sentito. Che l’artra vorta s’era ritirato, ma già era forte. Che stavolta doveva esse pe’fforza sudamericano pecché è lì che la Chiesa sta a perde più clienti. Che doveva esse fori da li ‘mbrogli del Vaticano e degl’italiani. Soprattutto, che doveva esse  “pastore”. A me sta storia di essere considerato na pecora nu mme mai piaciuta, ce ‘o sai. Ma lassamo perde,  io non c’entro: tanto alla favoletta che racconteno li preti nun ciò mai creduto.  Diciamo che ce voleva uno che sa parlà coi poveri disgraziati, visto che i poveri disgraziati so’ destinati a aumentà dappertutto.

Comunque, Ciccì, me facesti tutto ‘n raggionamento che me fece proprio na bella ‘mpressione. T’o ricordi? Me dicesti che la Chiesa è come n’azienda.  Io tengo na fabbrichetta e nu negozio, faccio ‘o sacicciaro e t’ho capito a volo, sa? Ho capito pure che  “pastore”  ‘n pratica significa uno bravo a vende ‘a mercanzia loro, ‘a saciccia loro, ‘nzomma: uno commerciale, uno che sviluppa li ‘ffari, che je piace sta ‘mmezzo a ‘a ggente e ce sa fa a convincerla a farse cliente.


Il tedesco che c’era prima (tu ‘o chiamavi teologo) ho capito che  era  uno bravo a falla, ‘a saciccia loro,  a custodì ‘a ricetta de famijja come faccio io co quella de’ sacicce de papà mio bonanima,  che me la tengo sul quadernetto suo proprio come un Vangelo. Guai a chi lo tocca e guai a cambià manco ‘na virgola.  A sentillo parlà, il crucco, ‘o capivi che era un professorone, uno bbravo veramente. De la saciccia sua sapeva proprio tutto. Però a sentillo te dovevi mette la camiciola de lana. Pur’ a agosto. Te faceva gelà, te faceva. Uno tosto. Era a modo suo, ma ce stava da fargli tanto de’ cappello.

E poi c’è la terza categoria de preti, me dicesti: “i curiali”, quelli che, stanno ar Vaticano  a organizzà, a fa le giostre coi conti e le carriere e i posti e i postarelli:  “tu fai questo io faccio quest’altro” e “quest’a me e quest’a te”. Come fa ‘ssuntina, la mojje mia, co le commesse e li operai der negozio.Tutto un trafficà, nu spettegolà e nu commannà. Servono pure loro pe’ ccarità, ma se non c’è uno ‘bbravo a andà in giro a venne e a trovà i clienti, come faccio io, hai vojja a aspettà. Le saciccce restan’appese a fa i vermi. E co’  a ricetta segreta te ce pulisci ‘ndo sai tu. Uno simpatico co le scarpe grosse che ie piace a parlà co’ tutti, uno come me ce voleva ‘nzomma. E l’hanno trovato proprio di quelli bboni. I preti a fa ‘ste cose s’ bbravi. La saciccia loro la vendono da duemila anni: mica scherzano!

Si, si, come me l’hai spiegata tu Cicci’, sta storia del Conclave più ce penso e più me convince. E te devo dì che a me sta pure simpatico sto Papafrancesco. Tutto sto discorso a favore dei poveri e contro i ricchi me piace assai. Me pare proprio ‘na brava persona.
Su come fa il mestiere suo io, però non è che so’ tanto d’accordo. 
Mo’ te spiego.
Fa il progressista su tutto lui: “E chi so’ io pe’ giudicà lli froci!”.  “ E chi l’ha detto che i divorziati nun li vojjo manco vedè”. “E noi non buttiamo via nessuno”. “ Tutte cose giuste. Ma che ‘e dica lui ‘ste cose nu me pare ggiusto penniente. ‘Ste cose le posso dì io che so’ socialista e miscredente, mica tu che se’l Papa. Guarda che non è un fatto de gelosia. Perché se è pe’ quello,  me dai raggione e quindi da ‘na parte so pure contento.

Ma giusto nunnè! Perché chi ce crede, a la saciccia loro, se la vole, la deve pagà, Ciccì! Vojjono la vita eterna quelli, mica s’accontentano de gnente! La salvezza dalla morte, uè, mica no scherzo! E la liberazione da ogni, ma proprio ogni male! Vojjono persino n’angelo custode personale che ie dà la protezione ora-momento-e-minuto. Possono fa  le peggio cose, poi basta annalle a raccontà a ‘n prete e escono puliti come na trippetta pronta pe magnattela. Appena ie serve quarche cosa, tipo vince na partita, pijà na promozione, fa guarì il cagnolino loro da la diarrea, tacchete: na preghierina ar santo giusto e tutto risolto. Se so’ fatti n’esercito, de ‘Santi, pronti a fajje tutti i miracoli. On demande.

Io dico che se lo voi sto servizio de gran lusso devi meritattelo. Se vuoi farti il giro della vita tua co’ tutti gli optional de sto machinone de lusso che cammina su  terremare e sale pure ‘n cielo e  che se chiama Diopadreonnipotente,  a chi t’o noleggia ie devi da’ quello che je spetta. No che quanno se tratta de rispettà le regole t’attacchi al pastore argentino de sinistra. E divorzi quanno te pare. E scopi prima, durante e dopo e dentro e fuori der matrimonio. E te scopi e te sposi co’ chi te pare, omini e femmine, quante volte te pare. E vuoi l’abborto se ce resta pregna. E vuoi “l’aiutino” quando stai pe schiattà e nun ce la fai più. Mettece che a messa nun ce va più nessuno, che nessuno se fa più prete: troppo comodo, a ragazzì! Tu te vuoi godè la vita e poi te vuoi godè puro la morte, senza fa manco un sacrificio. E non va mica bene! 

Aveva raggione il tedesco allora: a ricetta de la saciccia è quella. O te piace o nun te piace. E se non te piace e voi fa come te pare e come piace a Minuccio il sacicciaro,  non poi venì proprio da me a dimme che io so’ miscredente, scomunicato e sporcaccione e che devo annà a coce come ‘na braciola all’inferno.  

Se te vuoi godè la vita,  come faccio io che la saciccia me la faccio da me e a “la salvezza eterna” nun ce credo, allora la morte te la pijji come e dove  me la pijjo io. E te la pijji tutta intera, pe’ la bestiaccia brutta che è. Che te se magna. Che quann’arriva, tanti saluti ar sacicciaro e alle sacicce sue e non c’è Diopadre o Papafrancesco che te po’ salvà.

Me sbajjo Ciccì?