sabato 8 settembre 2012

La ministra Piagnona e gli sfigati

Minuccio di Sacrofano, paese reso famoso da Manfredi e Risi con” Straziami, ma di baci saziami”, salumiere (lui dice sacicciaro, in verità) e amico del nostro Scaracritico cinematografico C.C.Baxter (confidenzialmente Ciccì) ogni tanto si fa vivo con lui. 
Con il loro permesso, a noi piace leggere cosa gli scrive.

Oh Ciccì,
a Blob, il minestrone della tv (non è quello co’ le cotiche, ma è la meglio cosa che cucinano a la Rai), iersera me stavo ’a  rivedè la Piagnona.
Sa’ quella ministra coi calanchi ‘n faccia? Quella che invece de dì che “più di un tot de penzione nun ‘ze po’ pagà più a nessuno”,  ha penzato bbene d’annasse invece a pijjà cento euri a chi ne prende già parecchio meno de mille.
Ma a lei e ai signoroni come lei quattro, cinquemila euro, nu ie bastano. E allora pe' forza a lii poveracci lo doveva affibbià "il rigore".
E quando ce l’ha detto  s’è mess’a pur’a piagne.

I calanchi di Atri (Te)
Meno male che ‘SSuntina, mi mojje,  che me conosce come le saccocce der grembiale suo,  quela sera m’ha tolto subbito il posacenere de ceramica davanti; sennò me c’ero giocato il televisore. Ie ne volevo scava’  n’altro, de calanco, ‘nfaccia.
Poi vedi se piagni ddavero, sta vijjacca.

Emo fatto le elementari ‘nzieme Ciccì. Stavamo gomit’a gomito quann’emo fatto il tema de mastro ‘Ttorino, sull’assassinio di  Kennedy, il giorno dopo che i’avevano sparato. T’o ricordi, si?
Beh Ciccì, ma non pensi pure tu che la generazione nostra è la più sfigata, armeno armeno de l’ultimi cend’anni?
Non lo vojjamo dì pecchè nun semo piagnoni noi e semo de carattere, ma è la verità: semo nati, sotto il segno de la sfiga, c’è poco da fa Ciccì!

Cominciamo a dì che l’anno che semo nati ne capitarono de tutti i colori!


Intanto ce fu na nevicata in tutt’Italia che bisognava aspettà cinquant’anni per vedenne n’atra così.

L'Andrea Doria
Stavamo pe’ nasce e  affondò l’Andrea Doria, che ancora là sta e nessuno ne parla più. Mentre col Titanic ce l’hanno gonfiate a mongolfiera, tanto pe dì ‘na soprasfiga.
Nun s’erano ancora ripresi e ci fu la traggedia de la miniera di Marcinelle (che ci morì il povero Peppuccio, il fratello de mi madre bon’anima, che me doveva fa’ da combare de battesimo. E ho detto tutto).

Poi semo arrivati noi, co ‘n garbino che se scioglievano le manijjiee de le porte.

C’eravamo appena rinfrescati e stavamo a ciuccià la tetta quanno i russi in Ungheria combinarono quello che combinarono. E ai tordi che ancora ce credevano ie se smontò pure quella speranza ‘llà.

N’ mezzo a le gambe ci'avevamo ancora solo un foruncoletto,  che penzarono subbito de chiudece i Casini. 
Questa Ciccì nun l’ho mai diggerita, tu ce ‘o sai. E sai pure,  che so’ pauroso de malatie e che a puttane nun ce so’ mai voluto anna’. Manco con Sufia la zizzona, che a Sacrofano è una de famijja, pe 'ddì. 
Mapperò de na cosa so’ sicuro: tu pensala come te pare, ma la prima generazione de omini senza Casini nun poteva esse normale, Ciccì!
E infatti quann’è arrivata al dunque, 'na ggenerazione de pipparoli è diventata. 
Confermo Ciccì: se sta ‘ggenerazione è venuta (se fa pe’ dì) de’mmerda, la prima raggione è che nunnà avuto navi scuola e s’è fatta troppo pippe. E nun z’è mai ‘mparata  a usallo il foruncoletto, quando ha cominciato a cresce, a prude e a volè commannà lui.
Tu lo dici a me davanti a ’SSuntina pe’ falla ride, ma è vero: co le femmine nun c‘iabbiamo mai capito niente, Ciccì. Tranne quarche eccezione (e che non lo so che ce stanno le eccezioni, mortacci loro?!), ma quelli poi ce se so fissati, penzano solo a quella e stanno pure peggio.


Manifesto femminista
Ma te rendi conto, Ciccìi? Semo arrivati noi e  le femmine, dopo dumila e passa anni che “zitte e mosca”, hanno penzato de fa  niente meno che “la rivoluzione femminista”!!!
Ma te renni conto ddavero?
Ce semo ritrovati da la mattina a la sera co i fucili puntati addosso a dovè risponne a nome e pe’ conto di dumila e passa anni de generazioni de maschi maschilisti e sopraffatori.
Ma che te poteva capità de peggio? 
Inevitabbile: cornuti e mazziati semo rimasti: senza parole e co ‘n morticello rintanato ne le mutanne.
E guarda che “cornuti e mazziati” nunnè un modo de dì, ce lo sai pure tu. A noi due sarà annata pure bbene (che per quanto nun se po’ mai dì de sicuro) ma drento a 'n cesto de lumache stamo. 
Ma che ce posso ripenzà? Mi madre bonanima la matina ie preparava pure i carzini che se doveva mette, a mi padre. Mi nonna al marito der Voi ie dava. A me ‘SSuntina che pure me vole bene, me fa fa i piatti. E a me, me pare pure ggiusto, penzatè. 

A ‘n certo punto, co a "rivoluzione sessuale", me ricordo, hanno cominciato a giracce attorno con le minigonne e a noi ce faceva pure  paura de vedella così, a portata de mano. Quando ‘na vorta l’allungavi, quella manuccia tremitosa, sudaticcia e mollaccia sonavano li schiaffoni. E tenevano raggione, mica no?


Ma lassamo perde, parlamo de’ cose serie. Parlamo de li fijji nostri, che so parecchio mejjo e più vispi de noi.
Nun ce cacano proprio Ciccì. Quanno ce va bene ce trattano come li pelouche.
“Papino, papino” e ce fanno fa quello che je pare. E pure questo ce sembra giusto. Meno male che nun ce sparano, visto che adesso pe’ lavorà devono emigrà all’estero, come 'za Ersiglia cent’anni fa. 
Comunque, a noi ce pare pure de esse stati bravi a lascialli fa. Chè i vecchi nostri erano capaci solo de dì de no e ci’hanno fatto vedè il monno che eravamo già vecchi e tenevamo paura de’ tutto.

Mo  arriva la piagnona e freschca  freschca ce dice che ce manna n’penzione appena avranno prenotato li becchini pe’ facce shcasà. E intanto che arriveno col carro, ce daranno n’elemosina.
Fino a ieri hanno campato de rendita la ggente da quando aveva  ancora quarant’anni. Dimmi tu se nunnè sfiga questa!
E poi me dicheno che me st’antipatica la Piagnona. Eccerto che me sta antipatica, la calancosa!

Beh, me so sfogato, Ciccì. Me ce voleva stamatina.
Ma a te che te frega, tu te ne stai  a Venezia a  rintanatte drento al cinema, al festivall , a vedè passà la carne fresca de lusso. Mentre io qua vedo solo quella der porco, pe’ facce  le sacicce.

E’ che stamattina ho incontrato Nando er Gufo che me fa:
“ma che voi deppiù? Semo l’unica generazione che non ha dovuto combatte na guera”.
Ecco, quela ce manca mò: na bella guera!
Me so’ toccato a carne viva, Ciccì. A carne viva!

Te saluto, Ciccì.

Minuccio lu sacicciaro
(per leggere le altre lettere di Minuccio basta cliccare a destra la Scaretichetta "Minuccio")

2 commenti:

  1. Straordinario Minuccio: se non fosse vero bisognerebbe inventarlo!

    RispondiElimina
  2. Spassosissimo! Grazie, Minuccio. :-D

    RispondiElimina

Grazie per l'attenzione