Pagine

martedì 12 aprile 2011

Minuccio e l'aipadde

Ecco cosa Minuccio lu sacicciaro di Sacrofante Marche scrive al nostro C.C.Baxter, suo amico da sempre e nostro scarabocchiante di cinema.

Oh Ciccì,
mannaggiattè Ciccì. Ce sì riuscito sa?
Me so' dovuto cumbrà l'aipadde pur'io.
Te possino, Ciccì! però quanto me piace stu giucattolino.
Te lo ricordi quanno s'ì vinuto a Sacrofante Marche l'utima vota, si?  E 'n piazza te sì messo co l'aipadde a parlà co quell'amica tua? Che se vedeva pure! come se stesse qua. E stava a pijà il sole 'ngiardino con quel portazinne nero e quella faccetta da madonna de le fratte (te tratti sembre bbene tu Ciccì; altro che Sufia la zozzona!). Beh Ciccì, c'è poco da fa: so schiattato d'envidia.
Poi ce s'è messa pure za' Ersiglia. E allora gn'ho fattappiù: so' dovuto corre a pijallo.
Mo te dico.


E' la sorella del nonno bonanima, 'za Ersiglia. E' emigrata a Lamerica ch'era na signurinella appena spusata. Mo tiene un figlio che è un pezzo grosso a Uol stritte, che dev'esse na specie de Anàs miricana: farà la manutenzione delle strade, che là si shiamano stritte. Io st'i Miricani non l'ho mai capiti: tengono le strade più larghe del mondo e le chiamano stritte. Mah!.

Me vole tando bbene schta donna.Fino a quando so' stato nu citilo co li cazzarelli corti, me rimandava i pacchi mericani.
Tu nge crederai, ma li faceva co nu lenzuolo tutto attorcinato co lo spago. Era na montagna bianca  piena de tinbri US US US co le stellette. Che solo quelle erano nu cinema. Quando Paschquale lu pustino arrivava co schto cuscinone su le spalle a casa mia era na festa. Scanzavamo lu tavulino de la sala bbona, lo stennevano pe' terra e cumingevamo a tajà ste corde. Quanno s'apriva era na corsa ad acchiappà: E "quest'emmìo", e"quest'altro pure" e "quello l'ho visto prima io".
Drento ce metteva le sette meraviglie: eccera lu jeans miricano (che li portavo solo io a Sacrofante e ce facevo na maffia che nde dico); eccera la pistola, sputata quella de Gion Ueine; ce staveno le gingomme originali e i giornaletti di  Mandrache che nun ce capivo niente, ma me facevano ammattì lo stesso; ce stavano le Lucchi Stracche originali che papà se le fumava solo la domenica; ce metteva le mutanne a stelleestrisce (ma quelle erano de na stoffa che era plastica e me facevano venì lo sfogo co li frutti): e pure le sottane da purcona che pora mamma mia diventava ruscia sola a guardalle.

Mo' s'è fatta vecchia povera za Ersiglia. Momenti tiene cendanni. Ogni tanto ce sendiamo pettelefono e pettele facciamo. A sentilla sembra na pupetta. Sta sempre al cumputere, sta. Me parla sempre de "fesse e buchi"(devesse na cosa pe conosce deprivati. Dice che ce se va per ritrovà le amicizie, ma co quel nome m'emmagino che amicizie ce poi trovà; tu ce stai sicuro su "fesse e buchi" mandrillò!  -Facebook ndr -), de tuittere (Twitter ndr), de iutubbe (che ie fregherà a lei de li tubbi nun me lo chiede, che nun lo so. Forse s'enderessa dei lavori der fijjo suo: va a sapè - Youtube ndr -).

Comungue mo' s'è cumbrato l'aipadde pure lei. E allora ho detto: e che solo io no? E poi ho detto: è na maniera pe rivedecce!
E così dumenica ce semo parlati e visti su "fesse e taime" (che io all'inizio me vergognavo: sempre sta fessa de mezzo, sti miricani - Facetime è il nuovo programma per videotelefonare di Mac - ndr). Madooonna che spittaculo Ciccì. Tutta tinta co li ricci. Nu paio de occhialini moderni. Sembrava la Befana il giorno dello sposalizio della scopa co la mazza de lu straccio. Faceva n'effetto co sto tagliano poi che 'nte dico! parla come me quando  sto 'mbriaco co na cipolla 'nbocca..

Vabbuò, mo te lasso. Vado a vedè il sito de 'Ndonio lu capraro.
Te rendi conto? Lu capraro s'è fatto lu sito su internetto!! D'artra parte sto monno cambia e nun me dispiace pe' gnente.
Pecchè? Io quanno vado a lu cesso, co' rispetto parlanno prima me portavo il giornale e mo' nun me porto l'aipadde?
'Nde dico la faccia de 'Ndunietta, mi mojje: "tu sì diventato scemo: pur'accacà te porti l'accrocco! Ma 'nde vergogni?"
Come se tenessi aperto "fesse e taime" mentre sto là seduto. So uno costumato io, mica nooo?

Mannaggiatte Ciccì! Zia Ersiglia quando me vo dì che me vole bbene dice che m'ha messo giù da parte le ova (avrà riempito na cantina co tant'anni. Pure io te l'ho messe da parte, Ciccì: ai l'ove iu!
Minuccio lu sacicciaro